Cass. Civ, Prima Sezione, ordinanza del 20 settembre 2021 n. 25343

Studio Legale
Maria Teresa De Luca
Bilancia
Studio Legale
Maria Teresa De Luca
Vai ai contenuti

Cass. Civ, Prima Sezione, ordinanza del 20 settembre 2021 n. 25343

Diritto Bancario
Pubblicato da Maria Teresa De Luca in Ordinanze Corte di Cassazione · 22 Settembre 2021
In un contratto di gestione patrimoniale, una perdita media annua del 5% rispetto al benchmark non integra mala gestio da parte dell'intermediario.
Lo hanno statuito gli Ermellini con l'ordinanza n. 25343 depositata il 20 settembre 2021, respingendo il ricorso degli eredi di un risparmiatore nei confronti di una società di investimento. Secondo i ricorrenti invece vi sarebbe stata una violazione sia del TUF che del Regolamento Consob (n. 11522 del 1998) in relazione alla inosservanza del "benchmark" evincibile dal "solo scostamento - in negativo, nella misura dello 5,04% annuo medio, nel periodo 2000/2004 - della gestione dal parametro di riferimento". Di diverso avviso la Prima sezione civile della Cassazione secondo la quale "in un caso come quella in esame, in cui non vi e' stata alterazione della concordata composizione del portafoglio titoli, affinché sia effettivamente configurabile una mala gestio dal parte del gestore, per asseriti risultati negativi della gestione, non e' sufficiente il mero scostamento dal benchmark prescelto (altrimenti ricorrendo un'ipotesi di responsabilità sostanzialmente oggettiva), dovendosi, invece valutare pure le ragioni di detto scostamento al fine di individuare eventuali, concreti profili di negligenza e/o imprudenza e/o imperizia del gestore medesimo, che, peraltro, possono essere rivelati anche dall'entità dello scostamento stesso".



© 2020-2021 Studio Legale Avv. Maria Teresa De Luca
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Webmaster: Edoardo De Luca
E-mail: edolabservizi@gmail.com
Torna ai contenuti