Cass. Civ., Sez. II, ordinanza n. 15996 del 18 maggio 2022

Studio Legale
Maria Teresa De Luca
Bilancia
Studio Legale
Maria Teresa De Luca
Vai ai contenuti

Cass. Civ., Sez. II, ordinanza n. 15996 del 18 maggio 2022

Esecuzioni Immobiliari
Pubblicato da Maria Teresa De Luca in Ordinanze Corte di Cassazione · 20 Maggio 2022
Cass. Civ., Sez. II, ordinanza n. 15996 del 18 maggio 2022
Esecuzione immobiliare - Intervento senza titolo esecutivo - Requisito per partecipare alla distribuzione del ricavato.

«Il creditore che, al momento del pignoramento, ha un diritto di prelazione risultante da pubblici registri (nella specie, ipoteca iscritta contro gli esecutati) può intervenire nel processo di espropriazione forzata anche se non munito di titolo esecutivo, senza che siano necessari il deposito e la notifica dell’estratto autentico notarile delle scritture contabili, adempimenti che sono invece prescritti per i creditori sine titulo titolari di un credito di somma di denaro risultante dalle scritture contabili ex art. 2214 cod. civ.»;

«Il sub-procedimento di verifica dei crediti dei creditori intervenuti senza titolo esecutivo – che è disciplinato dall’art. 499, commi 5 e 6, cod. proc. civ. e trova un antecedente adempimento nell’onere di notifica dell’atto di intervento – costituisce requisito per l’accesso dei predetti creditori alla distribuzione del ricavato e presidia un interesse pubblico processuale alla regolarità e celerità della ripartizione, sicché spetta ex officio al giudice, con l’ordinanza con cui è disposta la vendita o l’assegnazione, fissare un’apposita e distinta udienza per la comparizione del debitore e dei creditori intervenuti sine titulo, disponendone la notifica a cura di una delle parti.»;

«Se il giudice dell’esecuzione omette di fissare l’udienza prevista dall’art. 499, commi 5 e 6, cod. proc. civ., è onere del creditore interessato avanzare tempestivamente istanza per la sua fissazione, affinché l’udienza si svolga durante la fase liquidativa del processo esecutivo; ne consegue che, una volta iniziata la fase distributiva, possono essere accolte né la richiesta volta alla fissazione dell’udienza di verifica dei crediti, né quella volta alla rimessione in termini del creditore rimasto inerte.»;

«La contestazione della ritualità dell’intervento per credito carente di qualsiasi titolo e per mancanza anche dei presupposti surrogatori dell’art. 499 cod. proc. civ. integra una controversia distributiva e può essere proposta dal creditore concorrente quando, ai fini della distribuzione della somma ricavata, sia stato considerato pure l’intervento non titolato od equiparato.»;

«In caso di intervento nell’esecuzione immobiliare di un creditore privo di titolo esecutivo, ma avente una garanzia ipotecaria prestata dall’esecutato per il debito di un soggetto estraneo al processo esecutivo, all’udienza ex art. 499, commi 5 e 6, cod. proc. civ. del subprocedimento di verifica dei crediti devono essere convocati sia l’esecutato, sia il debitore principale, il quale è legittimato ad esercitare il potere processuale di dichiarare quali dei crediti per i quali hanno avuto luogo gli interventi sine titulo egli intenda riconoscere, in tutto o in parte, o, alternativamente, disconoscere».



© 2020-2022 Studio Legale Avv. Maria Teresa De Luca
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Webmaster: Edoardo De Luca
E-mail: edolabservizi@gmail.com
Torna ai contenuti